Aṅguttara Nikāya

Adanta Sutta

1.31–40. Indomita [brani]

31. “O monaci, non conosco niente di più intrattabile di una mente indomita. La mente indomita è, difatti, una cosa intrattabile.

32. “O monaci, non conosco niente di più docile di una mente domata. La mente domata è, difatti, una cosa docile.

33. “O monaci, non conosco nessuna cosa che porta grandi disgrazie come una mente indomita. La mente indomita è sorgente di grandi disgrazie difatti.

34. “O monaci, non conosco nessuna cosa che porta grandi benefici come una mente domata. La mente domata è sorgente di grandi benefici difatti. {I,iv,4}

39. “O monaci, non conosco nessuna cosa che porta tanto dispiacere come la mente indomita, incontrollata, disattenta e indomita. Una tale mente è sorgente di gran dispiacere difatti.

40. “O monaci, non conosco nessuna cosa che porta tanta felicità come la mente domata, controllata, attenta e dominata. Una tale mente è sorgente di grande felicità difatti.