Aṅguttara Nikāya

Metta Sutta

11.16. L’amore universale

“Monaci, per colui che coltiva, sviluppa, insegue, prende per base, stabilizza, consolida ed intraprende bene la liberazione della coscienza attraverso l’amore universale, può aspettarsi undici benefici. Quali undici?

“Dorme placidamente si sveglia placidamente, non vi sono incubi nel suo sonno. È caro agli esseri umani, caro agli esseri sovrumani. I deva lo proteggono. Né fuoco né veleno né armi possono toccarlo. La sua mente si concentra velocemente. Il suo colorito è chiaro. Muore senza paura o confusione e—non raggiunge il Nibbana—rinasce sempre nei mondi di Brahma.

“Ecco gli undici benefici per colui che coltiva, sviluppa, insegue, prende per base, stabilizza, consolida ed intraprende bene la liberazione della coscienza attraverso l’amore universale, può aspettarsi undici benefici.”