Itivuttaka

La Sezione Delle Coppie

49.

Questo è stato detto dal Beato, è stato detto dall’Arahant, e così ho sentito: “Convinti di due opinioni, alcuni uomini e deva si aggrappano, altri scappano, mentre coloro che posseggono la giusta conoscenza osservano.

“E come alcuni si aggrappano? Gli esseri umani e i deva godono, provano piacere e sono soddisfatti dell’esistenza. Quando il Dhamma viene insegnato per condurre alla cessazione del divenire, le loro menti non lo afferrano, non si calmano, non diventano serene e non si affidano ad esso. Così alcuni si aggrappano.

“E come altri scappano? Essi, provando orrore, umiliazione e disgusto per il divenire, trovano piacere per il non-divenire: ‘Questo sè, alla dissoluzione del corpo, dopo la morte, perisce e viene distrutto, e non esiste dopo la morte, ciò è pacificato, è eccellente, è reale!’ Così altri scappano.

“E come coloro che posseggono la giusta conoscenza osservano? In questo caso un monaco vede ciò che è nato come ciò che è nato. Vedendo ciò che è nato come ciò che è nato, egli pratica il disincanto, il distacco per ciò che è nato, e la sua cessazione. Così coloro che posseggono la giusta conoscenza osservano.”

Coloro che, nel vedere
ciò che è nato
come ciò che è nato,
e superano
ciò che è nato,
vengono liberati
da ciò che è nato,
attraverso la distruzione della brama
per il divenire.
Se ha compreso
ciò che è nato,
ed è libero dalla brama
per il divenire e per il non-divenire
di ciò che è nato,
il monaco
non va incontro a future esistenze.