Itivuttaka

La Sezione Delle Triadi

96.

Questo è stato detto dal Beato, è stato detto dall’Arahant, e così ho sentito: “Legato dal vincolo della sensualità e del divenire, è colui ‘che ritorna’, destinato a nascere di nuovo in questo mondo. Libero dal vincolo della sensualità e legato al vincolo del divenire , è colui che ‘non ritorna’, destinato a non rinascere più in questo mondo. Libero sia dal vincolo della sensualità sia dal vincolo del divenire, costui è un arahant i cui influssi impuri sono stati distrutti.”

Legati sia
dal vincolo della sensualità
sia dal vincolo del divenire,
gli esseri sono costretti ad errare
di nascita
in morte.
Coloro che hanno abbandonato la sensualità
senza distruggere gli influssi impuri,
sono legati dal vincolo del divenire,
sono detti ‘coloro che non ritornano’.
Invece coloro che hanno reciso il dubbio
senza più orgoglio
o ulteriori esistenze,
hanno ottenuto
la distruzione degli influssi impuri,
già in questo mondo
sono andati
al di là.