Theragāthā

1.14. Il discepolo di Vanavaccha

Il maestro mi disse:
Andiamo via da qui, Sivaka.
Il mio corpo vive nel villaggio,
ma la mia mente è nella foresta.
Così prostrato,
Io vado.
Non vi sono vincoli
Per il saggio.