Theragāthā

1.39. Tissa

Come colpito da una spada,
come se fosse con la testa infiammata,
un monaco errante deve vivere la vita
—con presenza mentale—
per abbandonare le passioni sensuali.