Udāna

Subhuti Sutta

6.7. Subhuti

Così ho sentito. In una certa occasione il Beato soggiornava presso Savatthi, nel boschetto di Jeta, al monastero di Anathapindika. Ora in quell’occasione il Ven. Subhuti era seduto non lontano dal Beato, a gambe incrociate, il busto eretto, concentrato in una meditazione libera dal pensiero diretto. Il Beato vide il Ven. Subhuti seduto non lontano dal Beato, a gambe incrociate, il busto eretto, concentrato in una meditazione libera dal pensiero diretto.

Allora il Beato, in quella occasione, declamò questi solenni versi ispirati:

“Per colui che i propri pensieri ha
vaporizzato,
ben dissolti
internamente,
senza traccia—
superando quel legame,
percependo i senza forma,
oltrepassando
i quattro vincoli,
non ci sarà
rinascita.”